Donuts al forno con glassa allo sciroppo d’acero

Questo mese ho voluto partecipare anche io al gioco di Recake 2.0 in cui era prevista una dolce sfida a suon di donuts!! bellissime ciambelline che di solito sono fritte ma in questo caso sono molto più leggere perchè sono cotte al forno.

Arricchite di una golosa glassa allo sciroppo d’acero si prestano ad essere modificate variando le spezie aggiunte, la glassa (devo farle con la glassa al cioccolato, per forza!) e la granella (io questa volta ho messo i pistacchi tritati)…

Continue Reading

Scones allo yogurt

Nuovo mese e nuovo #scambioricette questa volta sono capitata nel bellissimo blog Poesie di Zucchero e Farina, di Natasha, pieno zeppo di dolci: ho avuto davvero l’imbarazzo della scelta.

Alla fine, come al solito per il poco tempo a disposizione, ho deciso di fare una ricetta di quelle veloci che vi consiglio assolutamente di provare perchè non solo è veloce ma pure buonissima!

Continue Reading

Plumcake integrale con pistacchi e cranberries

Mio babbo mi ha portato qualche giorno fa della farina macinata da un contadino, in pratica una farina integrale.

Ho pensato di farci un plumcake, perciò mi sono letta qualche ricetta in giro per il web, ma, detto tra noi, nessuna mi convinceva al 100%: quella troppo dietetica, quell’altra troppo insipida…. alla fine, come al solito, ho fatto a modo mio e devo dire che il mio “esperimento” mi ha molto soddisfatta… 😎

Continue Reading

Hot milk sponge cake

Con l’anno nuovo è ripartito il gioco delle bloggalline che ci fa spulciare blog di amiche-blogger alla ricerca di ricette nuove da rifare, questa volta a me è toccato il bellissimo blog di Giulia, Cooking with Julia, ed ho scelto di fare una ricetta che conoscevo ma imperdonabilmente mancava dal mio blog.

E’ la hot milk sponge cake (o torta al latte caldo) una torta buonissima da mangiare al naturale, per colazione o merenda, ma che si presta perfettamente ad essere tagliata e farcita a piacimento (e decorata come più vi piace).

Continue Reading

Torta soffice pesche e panna montata

Oggi vi voglio parlare di un mio fine settimana tipico…

E’ venerdì sera, e non so se a voi è mai capitato, ma guardo nel frigo e trovo della panna da monare in scadenza – perché dovevo fare nonricordoqualedolce ma poi non l’ho fatto per nonricordoqualemotivo – trovo anche le ultime pesche della stagione, ormai pure un po’ bruttine, che chiedono pietà… allora mi sono ricordata di una ricetta, un classico praticamente, un dolce buono, buonissimo, perfetto per la colazione… (la versione originale la trovate qui).

Continue Reading

Occhi di bue

A colazione o merenda a casa le due principesse mangiano sempre con entusiasmo i biscotti, soprattutto quelli fatti con il loro aiuto… pure la principessa disappetente, il che è praticamente un evento.

Oggi ho fatto gli occhi di bue: biscotti di pasta frolla alle mandorle farciti con marmellata (di fragole). Buoni, nutrienti… e pure carini!!

Continue Reading

Torta con farina di grano saraceno

Questa volta vi propongo una torta con farina di grano saraceno, una torta rustica, ma davvero buona.

Io l’ho farcita con una marmellata di lamponi e devo dire che l’accostamento è perfetto a mio gusto.

torta farina grano saraceno (4)torta farina grano saraceno 5

Nuovo esperimento (fotografico): il passo passo della ricetta.

Non so se lo trovate utile o se vi piace, mi farebbe piacere se mi diceste la vostra…

Fare un passo passo è noioso, lo confesso, soprattutto per la povera macchina fotografica, che si ritrova immancabilmente sporca di farina… 😯

5.0 from 1 reviews
Torta con farina di grano saraceno
Autore: 
Preparazione: 
Cottura: 
Tempo Totale: 
 
per una tortiera da 18/20 cm
Ingredienti
  • 90 g di farina 00
  • 70 g di farina di grano saraceno
  • 60 g di frutta secca mista tritata (io ho usato mandorle e nocciole tostate)
  • 2 uova
  • 85 ml di latte
  • 140 g di zucchero
  • 50 g di burro fuso
  • 100 g di ricotta (io di pecora)
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 1 bustina di lievito
Preparazione
  1. Montate le uova con lo zucchero.
  2. Quando saranno spumose aggiungete la ricotta, quindi sempre mescolando unite l'estratto di vaniglia, le farine ed il lievito alternando con il latte ed il burro fuso.
  3. Unite per ultima la frutta secca tritata.
  4. Versate in una tortiera imburrata ed infarinata.
  5. Cuocete a 180° per circa 30 min (per una tortiera da 20 cm). Fate comunque la prova dello stecchino, che dovrà essere asciutto

collage torta grano saraceno1

torta farina grano saraceno (3)

Panbrioche al cioccolato a lievitazione naturale

Ho avuto una settimana pessima.

Nonostante l’anticipo (indesiderato) di estate nel bel mezzo della primavera mi sono ritrovata con tosse e raffreddore che nemmeno a novembre…

e si sa, che quando uno è un po’ giù la cioccolata risolleva sempre il morale….

La doverosa coccola me la sono fatta con un goloso Panbrioche al cacao con pezzi di cioccolato fondente a lievitazione naturale.

Morbido, profumato, goloso… finirà prima che ve ne accorgiate, ecco perchè questa volta vi ho indicato una doppia dose di impasto 😉 (ovviamente se volete realizzarne uno solo basterà dimezzare le dosi).

panbrioche2panbrioche3

5.0 from 1 reviews
Panbrioche al cioccolato a lievitazione naturale
Autore: 
Preparazione: 
Cottura: 
Tempo Totale: 
Porzioni: 12
 
per 2 panbrioche di 22x11 cm
Ingredienti
  • 280 g di farina 00
  • 120 g di farina manitoba
  • 140 g di lievito madre solido
  • 40 g di cacao amaro
  • 140 g di zucchero
  • 200 ml di latte intero
  • 2 cucchiaini di miele
  • 2 uova medie
  • 100 g di burro a temperatura ambiente
  • 160 g di cioccolato fondente
  • un cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
Preparazione
  1. Sciogliete il lievito madre con 180 ml di latte.
  2. Aggiungete quindi la farina, lo zucchero, il miele, il cacao setacciato, la vaniglia e le uova.
  3. Impastate una decina di minuti, quindi, poco alla volta unite il burro morbido a pezzetti, il sale ed il latte residuo, fate incordare l'impasto.
  4. Aggiungete per ultimo il cioccolato fondente tritato e lavorate giusto il tempo di distribuirlo uniformemente nell'impasto.
  5. L'impasto risulterà morbido e un po' appiccicoso.
  6. Se avete usato la planetaria ribaltate l'impasto su un piano infarinato e lavoratelo ancora qualche minuto a mano per favorire la formazione della maglia glutinica.
  7. Mettete l'impasto a lievitare in una ciotola e copritelo con della pellicola.
  8. Dopo la prima lievitazione (indicativamente ¾ ore in inverno - 1 ora in estate) dividete l'impasto in 6 parti e formate altrettante palline.
  9. Foderate di carta forno 2 stampi da plumcake e mettete 3 palline per ogni stampo e fateli lievitare al riparo da correnti d'aria fino al raddoppio (indicativamente 8/10 ore in inverno 4/6 ore in estate).
  10. Quando saranno lievitati spennellate la superficie con del latte ed infornate a 180° per circa 30/35 minuti, controllando comunque la cottura con uno stecchino.

Ah se voltete potete congelare il Panbrioche.

Io di solito aspetto che si raffreddi e taglio a fette, metto steso in un vassoio e congelo. Poi una volta congelato metto in un sacchetto gelo, così le fette non si attaccano le une alle altre.

La mattina poi prendo la fetta congelata e in pochi secondi di microonde è come appena sfornata.

Se non avete il microonde – o non lo volete usare – mia mamma mi assicura che togliendo dal congelatore la fetta la sera e lasciandola incartata la mattina dopo è perfettamente scongelata e morbida. Non ho provato personalmente, ma credo che ci si possa fidare 😆

panbrioche1

I Croissant

I croissant (quelli francesi) non sono esattamente i cornetti che noi intendiamo, ma sono quelli semi salati, sfogliati e buonissimi che si possono mangiare sia dolci che salati.

croissant1

Ho voluto provare per il Cakes Lab i croissant di Michel Roux. I miei primi cornetti sfogliati in assoluto. Ho voluto essere temeraria, ma come si dice, chi non risica non rosica, perciò ho provato.

Non saranno perfetti nè bellissimi, ma vi assicuro che sono buonissimi…

croissant3

ah… vi dico solo che mentre scattavo, me ne sono fatta fuori uno intero, vuoto…. 😳

I Croissant
Autore: 
lievitati
Preparazione: 
Cottura: 
Tempo Totale: 
 
Ingredienti
  • 25 g di lievito fresco
  • 250 ml di latte intero
  • 500 g di farina (io ho usato 250 g farina 00 e 250 g di farina 00 w 330)
  • 12 g di sale
  • 50 g di zucchero
  • 275 g di burro, freddo ma non troppo duro
  • 1 tuorlo sbattuto con 1 cucchiaio di latte
Preparazione
  1. Sciogliete il lievito nel latte in una ciotola. Mettete la farina, il sale e lo zucchero in un robot da cucina con il gancio e mescolate a velocità bassa, aggiungendo il latte e lievito poco alla volta. Smettete di lavorare appena la pasta si stacca dalle pareti della ciotola; non deve diventare troppo elastica.
  2. Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare in un posto caldo (24° circa) finchè è raddoppiata di volume; dovrebbero volerci 45 minuti - 1 ora. Impastate rigirando la pasta con la mano per renderla più leggera, ma senza lavorarla troppo. Coprite di nuovo con la pellicola e mettete in frigo per almeno 4 ore ma non più di 8. Lavorate ancora la pasta nella ciotola, poi trasferitela su un piano di lavoro leggermente infarinato.
  3. Formate una palla e incidete al centro una croce profonda 3 cm. Stendete i 4 lati per creare delle alette. Schiacciate il burro in un rettangolo con il mattarello al centro della pasta e ripiegateci sopra le alette.
  4. Primo giro: infarinate il piano, stendete la pasta in un rettangolo di 60x30 cm e ripiegatela in tre. Mettete in frigo per 30 minuti avvolta nella pellicola.
  5. Secondo giro: fate fare alla pasta un giro di 90°, stendetela in un rettangolo, ripiegatela, avvolgetela e rimettetela in frigo, come prima.
  6. Terzo e ultimo giro: stendete la pasta in un rettangolo nella direzione opposta al giro precedente e ripiegate come prima. Avvolgetela nella pellicola e mettete in frigo per 30 minuti (non più di 1 ora).
  7. Preparate una sagoma triangolare di cartone, di 9 cm di base per 18 cm di altezza. Infarinate leggermente il piano e stendete la pasta (dopo l'ultimo giro) in un rettangolo di 65 x 40 cm e 3 mm di spessore. Sollevatela leggermente dal piano di lavoro e sbattetela per aerarla ed evitare che si crepi. Rifilate i 4 lati della pasta e tagliatela a metà per il lungo per ottenere 2 strisce delle stesse dimensioni. Tagliate la pasta in triangoli seguendo la sagoma.
  8. Stendete un triangolo sul piano di lavoro con la base verso di voi. Con il coltello fate un'incisione di 1 cm di profondità a metà base, tirate leggermente i 2 angoli della base e poi il vertice.
  9. Arrotolate dalla base al vertice. Spennellate leggermente i croissant con uovo e latte, dall'interno verso l'esterno, per evitare che gli strati di pasta si attacchino uno all'altro e non lievitino bene.
  10. Mettete la teglia in un posto caldo, meglio se appena umido (24-30°) e lasciate lievitare i croissant per 2 ore, finchè sono quasi raddoppiati di volume. Quando sono quasi pronti, scaldate il forno a 170°. Spennellate ancora i croissant con uovo e latte e infornateli per 12-14 minuti.

 

croissant4

La pecca principale della ricetta è la mancata indicazione del tipo di farina da usare. Nel libro poi ci sono pure foto molto dettagliate del procedimento di sfogliatura, perciò si capisce piuttosto bene. La pasta che ho ottenuto era un po’ dura perciò con la tendenza a rompersi nelle varie fasi di sfogliatura, ma questo dipende anche dal tipo di farina usata, dal momento che farine diverse hanno capacità di assorbimento dei liquidi diverse, per cui mancando l’indicazione della farina da usare potrebbe dipendere anche dalla farina che ho usato io… il problema è risolvibile con qualche prova, comunque.
Non sono riuscita a stendere la pasta a 3 mm come indicato perchè tendeva a ritirarsi un po’, perciò è venuta un po’ alta, ma devo dire che il sapore mi ha letteralmente conquistata!!
Non si sente affatto il sapore del lievito di birra (cosa che io personalmente odio) i tempi di preparazione sono piuttosto gestibili (io ho preparato la pasta – velocissimamente – la sera alle 22 e l’ho messa in frigo dopo 15/20 min) e ho proceduto con la sogliatura la mattina successiva (qualcosa in più delle 8 ore consigliate) e per le 14 ho cotto i cornetti.
I croissant sono leggermente salati, buoni sia farciti con qualcosa di dolce che con il salato.
croissant6

Muffins con cioccolato al latte

I Muffins con cioccolato al latte sono la soluzione che ho trovato quest’anno per il riciclo delle uova di Pasqua….

muffins-cioccolato-latte (2)

Mi domando infatti come mai le mie figlie non siano tra le “fortunate” che ricevono chili di cioccolato fondente per Pasqua, noi solo al latte. Quest’anno nemmeno uno fondente per errore… e pensare che a me piace solo quello. Tra l’altro riciclare il cioccolato fondente è pure molto più semplice…

Se cliccate sull’ingrediente “cioccolato fondente” che trovate a lato di questa pagina, troverete diverse ricette…

Ma con il cioccolato al latte che ci faccio?

L’anno scorso feci questi brownies (ecco, ora che li ho rivisti li devo rifare, decisamente  🙂 ) ma dal momento che la mia “grande” si è decisa finalmente a mangiare qualcosa di quello che preparo (ovviamente solo se c’è la cioccolata di mezzo) ho pensato di provare qualcosa che potesse andare bene per la colazione.

muffins-cioccolato-latte (3)

Partendo dalla mia ricetta dei muffins al cioccolato (fondente) fatti per iFood,  ho usato il cioccolato al latte delle uova di Pasqua, diminuendo burro e zucchero ed utilizzando un po’ di caffè decaffeinato per smorzare il dolce del cioccolato al latte (non mi vuole proprio piacere, abbiate pazienza).

Ho decorato con gocce di cioccolato fondente perchè in forno si rovinano di meno (la cioccolata al latte delle uova si scioglie facilmente, risultando un po’ bruttina) però potete anche ometterle.

muffins-cioccolato-latte (4)A voi la ricetta 😀

Muffin con cioccolato al latte
Autore: 
Preparazione: 
Cottura: 
Tempo Totale: 
 
per 12 muffin
Ingredienti
  • 80 gr di burro morbido
  • 115 gr di zucchero semolato
  • 120 gr di cioccolato al latte sminuzzato
  • 2 uova
  • 250 ml di latte intero
  • 250 gr di farina 00
  • 40 gr di cacao amaro
  • 4 cucchiai di caffè decaffeinato forte
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 50 gr di gocce di cioccolato fondente (facoltativo)
Preparazione
  1. In una ciotola unite la farina, lo zucchero, il cacao amaro setacciato, il lievito, il sale e il cioccolato al latte tritato finemente e mescolate il tutto.
  2. Fate un buco al centro e unite le uova, il latte, il caffè decaffeinato ed il burro morbido.
  3. Amalgamate brevemente con una frusta o un cucchiaio e versate il composto in 12 pirottini.
  4. Se volete potete decorare con le gocce di cioccolato.
  5. Infornate a 160° per i primi dieci minuti, continuate quindi la cottura a 180° per altri 10 minuti, controllando prima di sfornare con uno stecchino che dovrà venire fuori asciutto.

muffins-cioccolato-latte (5)Ah se mai vi interessasse… alla “grande” sono piaciuti un sacco 😉

Top