Crostatine con crema diplomatica e fragole

Non chiamatela crema chantilly per favore, si potrebbero scatenare le ire dei francesi o degli “integralisti”…. perchè la “vera” chantilly è panna montata aromatizzata con una bacca di vaniglia.

Tuttavia se andate in pasticceria da noi (per lo meno da me) e chiedete una torta farcita con crema chantilly non vi presenteranno una torta ripena di panna montata ma una torta farcita con una crema ben diversa.

Pare si chiami crema diplomatica e sia fatta con crema pasticcera unita a panna montata.

crostatine con crema diplomatica e fragole (7.2)

In realtà se fate una crema pasticcera “vera” e la unite alla panna montata non è che somigli molto alla chantilly della pasticceria….

Ho elaborato perciò una crema che somiglia molto alla chantilly delle nostre pasticcerie, composta da una sorta di crema pasticcera (una sorta perchè fatta con meno uova e per di più intere, i puristi mi flagellerebbero se la chiamassi pasticcera, sono sicura) unita, per l’appunto, alla panna montata.

Ovviamente aromatizzata con una bella bacca di vaniglia (del Madagascar).

crostatine con crema diplomatica e fragole (11)

Con questa crema ho farcito delle crostatine di pasta frolla, guarnite poi semplicemente con delle fragole, le prime della stagione.

Crostatine con crema diplomatica e fragole
Autore: 
 
per 6 crostatine
Ingredienti
  • per la pasta frolla:
  • 220 gr di farina
  • 110 gr di burro
  • 90 gr di zucchero
  • 1 uovo piccolo
  • scorza grattugiata di limone non trattato
  • per la crema diplomatica:
  • 1 uovo medio intero
  • 70 g di zucchero semolato
  • 250 ml di latte intero
  • 15 g di farina 00
  • 10 g di amido di mais
  • 100 ml di panna montata
  • fragole per guarnire q.b.
Preparazione
  1. Preparate la pasta frolla:
  2. nel un robot da cucina (quello con le lame) o nella planetaria mettete il burro freddo a pezzetti e la farina e fate andare qualche secondo fino ad avere un composto bricioloso (volendo questo passaggio è possibile farlo anche a mano, cercando però di scaldare il burro il meno possibile).
  3. Trasferite il composto in una terrina ed unite zucchero, uovo e buccia di limone grattugiata e formate una palla maneggiando il meno possibile la pasta frolla.
  4. Ponete in frigorifero non meno di mezz'ora.
  5. Preparate la crema: rompete l'uovo in una ciotola. Incidete la bacca di vaniglia, prelevate i semini ed uniteli all'uovo.
  6. Mettete a scaldare il latte con il baccello della vaniglia privato dei semini.
  7. Aggiungete all'uovo lo zucchero, la farina e l'amido di mais, e sbattete con una forchetta.
  8. Quando il latte sarà caldo, versatelo, filtrandolo con un colino, sull'uovo, mescolate.
  9. Ponete il composto di uova e latte sul fuoco e mescolate continuamente con una frusta fino che la crema non si addenserà, indicativamente fino ai primi segni di bollore.
  10. Spegnete e fare freddare la crema con della pellicola alimentare a contatto per evitare che si formi la crosticina. Mettete, quindi, la crema a freddare completamente in firgorifero.
  11. Preparate le crostatine:
  12. stendete la pasta negli stampini. Cuocete le crostatine 10 min a 180° con dei pesi (o dei legumi) - mettendo sopra alla pasta un foglio di carta forno - poi un'altra decina di minuti senza pesetti, fino a che non saranno dorate.
  13. Quando la crema sarà fredda montate 100ml di panna ed unitela delicatamente alla crema.
  14. Farcite le crostatine con la crema diplomatica e guarnitele con frutta a piacere.

crostatine con crema diplomatica e fragole (12.1)

Se vi avanza della pasta frolla ricavatene dei biscotti, potrete usarli come guarnizione delle crostatine o mangiali da soli.

crostatine con crema diplomatica e fragole (4.1)crostatine con crema diplomatica e fragole (9)

5 Replies to “Crostatine con crema diplomatica e fragole”

  1. Questa diversità non l’ho mai capita fino in fondo. Del perché usiamo un termine per indicare una cosa che in Francia è completamente diversa. Ma l’importante è che poi la ricetta metta tutti d’accordo con la sua bontà. Invitantissime!

    1. Grazie Fabio, hai perfettamete ragione, comunque i nostri pasticceri dovrebbero svelare il segreto su come la fanno, qualunque nome le diano. 🙂

  2. Che delizia le tue crostatine Vale, così aggraziate ed eleganti! Le tue foto sono bellissime e mi piace molto questa crema diplomatica/simil pasticcera…per il fatto che ha un uovo solo potrei prepararla anche per me, visto che non dovrei mangiarle, ma ogni tanto un vizio me lo concedo! Un abbraccio grande <3

    1. Si Chiara questa secondo me potresti provare. Ad omettere l’uovo purtroppo verrebbe proprio qualcosa di diverso. Ti assicuro che è buonissima, perciò uno sgarro varrebbe veramente la pena di essere fatto. Grazie mille per i complimenti. Un bacio!!

  3. Comunque la si chiami, questa crema è sicuramente deliziosa, anche io la faccio uguale 😉 E d’ora in poi la potrò chiamare col nome giusto, diplomatica 🙂 Adoro i colori delle fotografie, così vivi ed inneggianti alla bella stagione (speriamo la attirino un po’ 😉 )… un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Rate this recipe:  

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: